Proverbi Leccesi
  Proverbi


Batti lu fierru finchè è cautu.
(Batti il ferro quando è caldo)


Lu pisce rande se mangia lu piccinnu.
(Il pesce grande si mangia quello piccolo)
Ci nu tene cervieddhru tene anche.
(Chi non ha cervello ha gambe)
Ddu nc'è ffumu nc'è focu, ma nnu sempre carne rrustuta.
(Dove c'è fumo c'è fuoco, ma non sempre carne arrostita)
Tira cchiù lu filu te lu 'nzartu.
(Tira più il filo (pelo) della fune)
Ci nu ttene furtuna, se ceca facènduse la cruce.
(Chi non ha foruna, si acceca pure fecendosi il segno della croce)
Quandu lu Diaulu te 'ncarizza, l'anima 'nde ole.
(Quando il Divaolo ti accarezza, è perchè vuole l'anima)
Nun puei tenire la utte china e la mugghere 'mbriaca.
(Non puoi avere la botte piena e la moglie ubriaca)
L'ecchiu te lu patrunu, 'ngrassa lu cavaddhru.
(L'occhio del padrone ingrassa il cavallo)
Ci te speranza vive, tesperatu more.
(Chi di speranza vive, disperato muore)
Fanne comu te fannu e nu bbhe peccatu.
(Fai quello che ti fanno e non è peccato)
Te Santu Martinu, ogne mostu denta vinu.
(A San Martino, ogni mosto diventa vino)

  Home